I tre fratelli che non dormivano mai e altre storie di disturbi del sonno – Libro di Giuseppe Plazzi

E’ uscito oggi il libro del prof. Giuseppe Plazzi che parla di disturbi del sonno e Narcolessia.

I tre fratelli che non dormivano mai e altre storie di disturbi del sonno

La prefazione:
Nulla è più misterioso della nostra mente quando dormiamo. Accadono infatti cose che neanche la fervida fantasia di un grande scrittore saprebbe immaginare, e molte sono le domande che tutti ci facciamo, senza però trovare risposta. Com’è possibile guidare una macchina, parlare lingue misteriose o camminare per ore durante il sonno? Da dove vengono quelle inquietanti visioni di demoni, folletti e spettri che infestano la nostra stanza? Che cosa spinge i bambini a gridare terrorizzati nel cuore della notte? Perché alcune volte abbiamo l’impressione di cadere da una sedia e ci svegliamo? Il neurologo Giuseppe Plazzi ci apre le porte del suo laboratorio, dove ogni giorno pazienti con disturbi del sonno rari e affascinanti – oppure molto diffusi, come il sonnambulismo, l’insonnia, il terrore notturno e la sindrome delle gambe senza riposo – riscrivono i limiti scientifici delle nostre conoscenze e, forse, della nostra realtà.

Tre fratelli affetti da un’insonnia letale, un frate perseguitato dal diavolo, un uomo capace di volare, una donna tormentata da fantasmi col collo lungo, un giovane sonnambulo colpito da una mutazione genetica, le acrobazie sessuali di una coppia durante il sonno, un intero paese caduto in letargo: sono soltanto alcune delle molte storie raccolte in queste pagine dal dottor Plazzi, dalle quali emerge un universo notturno costellato di sogni, incubi, allucinazioni, capacità soprannaturali e imbarazzanti risvegli in cui ogni lettore, con sorpresa, non faticherà nel suo piccolo a riconoscersi.

Un’opera dal ritmo romanzesco e dalla temperatura letteraria – nel solco della tradizione di Oliver Sacks –, spaventosa a volte, altre volte divertente, grazie alla quale scoprire gli angoli più bui delle nostre notti, capire i meccanismi segreti del sonno e acquisire una consapevolezza preziosa: neanche solcando tutti i mari, guadando tutti i fiumi, attraversando tutte le terre o arrampicandoci sulle più impervie cime che punteggiano questo mondo riusciremmo a vedere tante cose quante il nostro cervello è in grado di mettere in scena in una notte.

Giuseppe Plazzi è professore di Neurologia presso l’Università di Bologna, dove dirige il Centro per i disturbi del sonno, ed è attualmente presidente dell’Associazione italiana di medicina del sonno.

Per chi fosse interessato di seguito trovate il link al libro ed eventualmente il link ad amazon per un eventuale acquisto

*PRECISAZIONE: Si informa che l’AIN non vende e non distribuisce il libro in questione. Inoltre ci teniamo a specificare che l’AIN non ottiene alcun beneficio dalla condivisione di questo libro, nè tantomeno dalla vendita. Si condivide questa notizia con il solo scopo informativo e divulgativo. 

Congresso AIN 15/12 – Video Streaming

Buongiorno a tutti Si è appena concluso il congresso AIN di Bologna, tenuto presso la sala Gardenia dell’Hotel Relais Bellaria e ci sono state importanti novità in tema Narcolessia. Un incontro speciale con ospiti prestigiosi come il prof. Mignot dell’Università di Stanford, prof. Bassetti presidente EU-NN, il prof. Plazzi direttore presso l’IRCCS di Bologna, il dott. Carta dell’ISS, il dott. Gabbrielli del Centro per la Telemedicina, la prof. Ingravallo Medico Legale dell’Università di Bologna, la dott.ssa Antelmi e il prof. Vignatelli. Hanno partecipato inoltre diversi rappresentanti delle associazioni europee di narcolessia e ipersonnia, tra cui Germania, Regno Unito, Spagna, Francia, Olanda, Danimarca, Svezia, Finlandia, Svizzera e Irlanda.

Ci sono state grandi novità: si è parlato di Alimentazione, Red Flags, Telemedicina, Registro Nazionale della Narcolessia e delle Ipersonnie del Sistema Nervoso Centrale, ma anche di ricerca e trattamenti innovativi. 

Una delle notizie più importanti è stata la scoperta delle cause della Narcolessia, che è valsa il premio AIN “Icilio Ceretelli” nella sua prima edizione, un riconoscimento ai migliori giovani ricercatori nel campo della Narcolessia: Ulf Kallweit e Daniela Latorre. Il premio porta il nome del presidente AIN, recentemente scomparso, il quale si è sempre battuto per i diritti dei narcolettici, per ottenere i farmaci migliori e più innovativi e per sostenere la ricerca scientifica in Italia.

In calce i video della Sessione AIN.

Parte 1

Parte 2

Parte 3

Questionario Guida 2019

Buongiorno a tutti
Anche quest’anno rinnoviamo il nostro questionario sulla guida aperto a tutti, sia pazienti con Narcolessia tipo1 e 2, sia persone con Ipersonnia Idiopatica, sia soggetti senza disturbi del sonno. Mi raccomando partecipate numerosi!

Concorso Fotografico Eurordis 2019

Buona giorno a tutti Con la presente si ricorda che anche per il 2019 si terrà il concorso fotografico di Eurordis che ha come tema il “vivere con una malattia rara“. 

Le foto dovranno essere inviate rigorosamente entro il 7 gennaio, successivamente un esperto fotoreporter di National Geographic, selezionerà cinque foto che potranno essere votate dal pubblico attraverso una votazione online su blackpearl.eurordis.org a partire dal 15 gennaio.

Il vincitore sarà premiato con il premio Black Pearl.

Se siete interessati a partecipare qui trovate tutti i dettagli del concorso!

Ultimo saluto al nostro Presidente Icilio Ceretelli

Buona sera a tutti.
Con il cuore colmo di dolore, comunichiamo che oggi 07/11/2018 ci ha lasciati il nostro Presidente Icilio Ceretelli, un padre, un marito, un amico ma soprattutto una persona meravigliosa.
In questa circostanza ogni parola sarebbe superflua.
Lo ricordiamo così.

Porgiamo alla sua famiglia, nel tragico momento che ci trova uniti, le nostre condoglianze.

i funerali di Icilio si svolgeranno venerdì 09/11/2018 ore 15:00 presso la Chiesa di San Martino a Brozzi, via San Martino a Brozzi – 50145 Firenze.

Abbiamo perso una persona davvero rara che piangiamo per l’originalità, l’autenticità e la passione che metteva in tutto ciò che faceva.
Per chi sarà presente ci vedremo Venerdì per dargli un ultimo saluto.